Il villaggio globale rende vulnerabili le popolazioni, umane e animali, a patogeni nuovi o finora confinati in ambiti ristretti e remoti che serpeggiano nella popolazione o esplodono e diffondono come ha dimostrato la CoViD-19.  Se non si è preparati e organizzati.

A ciò dobbiamo tendere: a passare in rassegna le minacce possibili, le vie di introduzione, i sistemi per monitorarle e gli strumenti per controllarle, insomma creare quella organizzazione che obiettivamente manca e che rappresenta l’unico modo per  proteggere le popolazioni.

Il progetto deve pertanto prevedere la messa a punto dei metodi di analisi, l’attivazione di piani di monitoraggio, l’addestramento in campo del personale e lo studio degli strumenti per intervenire rapidamente popolazioni colpite e a difesa di quelle indenni da proteggere, rintracciare i portatori o gli alimenti contaminati, promuovere azioni di controllo dei vettori . Non potranno non essere considerati  gli agenti zoonosici e gli agenti di malattie trasmesse con gli alimenti.

ISCRIZIONE AL GRUPPO

* campo obbligatorio

Zona di Attività*

Codice fiscale: necessario per l’accesso al gruppo

Clicca qui per visualizzare l’informativa sul trattamento dei dati personali

Iscritti al gruppo

  • Antonella Catalano
  • Vanni Poli
  • Marco Hrobat
  • Roberto Tadeo
  • Anna Duranti
  • Lucia Romagnoli
  • Claudio Monaci
  • Giovanni Tumino
  • Paolo Boni
  • Mario Astuti
  • Maria Cristina Ossiprandi
  • Luigi Morena
  • Dario De Medici
  • Federica De Berardinis
  • Carmen Scioti
  • Valentina Tepedino
  • Bianca Maria Figarolli
  • Santo Caracappa
  • Vanni Poli
  • Sebastiano Virgilio
  • Claudia Cozzolino